Spedire fiori in Afghanistan

 

 

L’Afghanistan è uno Stato di 652 864 km² e di 33 332 025 abitanti stimati nel 2016. La sua capitale è Kabul. Confina a ovest con l’Iran, a sud e a est con il Pakistan, a nord con il Turkmenistan, l’Uzbekistan e il Tagikistan e con la Cina nella regione più a est della nazione (corridoio del Vacan).

Tra la caduta dei Talebani in seguito all’arrivo delle forze alleate e la riunione del gran consiglio per la stesura della nuova costituzione, l’Afghanistan veniva indicato dall’Occidente come Stato provvisorio islamico dell’Afghanistan. Con la sua nuova Costituzione il paese viene ora ufficialmente chiamato “Repubblica Islamica dell’Afghanistan”. L’attuale presidente è Ashraf Ghani, in carica dal settembre 2014.

Le lingue ufficiali del paese sono il pashtu e il dari.

Privo di sbocchi sul mare e prevalentemente montuoso (per l’80% ha un’altitudine compresa tra i 600 e i 700 m), il territorio è dominato dall’Hindu Kush, che taglia in due il paese: verso nord-est il sistema si salda con i massicci del Pamir e del Karakorum, mentre a sud-est si congiunge con i monti Sulayman, in cui si aprono i passi di Khyber e Bolan, vie d’accesso all’India e importanti «porte storiche» dell’Asia. Verso Nord-ovest i rilievi digradano nella pianura percorsa dal fiume Amu Darya, mentre verso sud lasciano spazio ad aree prevalentemente desertiche e ad ampi bacini palustri.

L’Hindu Kush prosegue a ovest con il massiccio del Koh-i-Baba collegato ai rilievi marginali dell’Iran; più a sud, si apre a ventaglio in una serie di catene parallele che digradano verso l’altopiano desertico del Rigestan (o Registan) e la depressione salina del Sistan.Afghanistan

Nell’estremità settentrionale del paese si estende una limitata area pianeggiante – la regione storica della Battria o Turkestan afgano – lambita dall’Amu Darya.

Spedire fiori in Afghanistan è un’idea conveniente e originale che farà felice una persona a te lontana fisicamente. Spedire fiori e piante in Afghanistan è un’idea innovativa che sorprenderà chi vi sta intorno e arriverà dritto al cuore del destinatario. Visitando il nostro catalogo potrete scoprire numerose composizioni diverse in base al vostro gusto. Con InternationalFlora ora è possibile con l’invio internazionale; consegneremo a domicilio i vostri bouquet anche con l’aggiunta di qualche simpatico e delizioso omaggio.

Le principali città in cui garantiamo la consegna sono: Kabul, Kandahar, Herat, Mazar-i Sharif, Kunduz, Taloqan, Jalalabad, Puli Khumri, Charikar, Sheberghan, Ghazni, Sar-e Pol, Khost, Chaghcharan, Mihtarlam, Farah, Pul-i-Alam, Samangan, Lashkar Gah.

Orgoglioso ma logorato dalla guerra, l’Afghanistan ha ancora un lungo cammino per tornare alla normalità, ma può contare sulle sue bellezze e sulla capacità di recupero del suo popolo.

L’Afghanistan è stato il centro del più potente impero negli scorsi 2000 anni. Comunque negli ultimi 30 anni è caduto nel caos a partire dall’invasione Sovietica del 1979 con il suo ritiro nel 1989, successivamente nel 2001 l’arrivo degli eserciti NATO che hanno liberato in parte il paese dai talebani.

Economicamente l’Afghanistan è considerato un paese povero se comparato con altre nazioni al mondo. Il paese tuttora è in una fase di ricostruzione.

È presente un clima molto caldo, secco e arido. In primavera (marzo-maggio) il tempo è bello, ma la pioggia e il disgelo rendono molte strade impraticabili. In estate (giugno-agosto) spesso il caldo è soffocante, ma a Kabul le notti sono piacevolmente fresche. L’autunno (settembre-novembre) è caldo e asciutto e maturano molti frutti deliziosi.